Cerca Ultime.

Ritorna all'elenco dei Forum Home Forum

  Ritorna alla pagina principale del Forum Commenti alle cene

    Questa Discussione Un_percorso_al_buio_per_capire_i_non_vedenti_06.04.09

Sei nella pagina della discussione: Un_percorso_al_buio_per_capire_i_non_vedenti_06.04.09

Nuova discussione   Rispondi 
inviata in data: 05/06/2009 [12:01]
Autore Discussione: Giovo


Utente Non più presente nel database.

Avatar di Giovo
Link permanente   
nuovo Messaggio Un_percorso_al_buio_per_capire_i_non_vedenti_06.04.09

Un percorso per capire i non vedenti

di Gaetano Danasi

Gazzetta di Mantova 06.04.09
CASTEL GOFFREDO. Come incontrare e avvicinarsi alla disabilità attraverso gioco, amicizia, complicità, fiducia. Calandosi nel buio che accompagna la vita
di un non vedente gli alunni di 1ª E, insegnanti e preside della scuola media Virgilio, si sono affidati alla guida esperta di chi in quel buio ci vive
e hanno imparato quanto si possa vedere attraverso il tocco delle nostre mani, il nostro olfatto.

Hanno riscoperto quanto possa essere divertente e piacevole scoprire il gusto di una bibita e riconoscere un amico dal timbro della voce. Tutto nasce dalla
caparbia volontà di realizzare un progetto di qualità e dalla collaborazione di più identità e ruoli: le associazioni Uici (Unione italiana ciechi e ipovedenti
di Mantova) l'Api&Aci, (Associazione per la promozione dell'integrazione e autonomia di ciechi e ipovedenti di Castel Maggiore), la scuola secondaria di
Castel Goffredo, nelle persone del preside Cesarino Marchioro e dalla professoressa Adelaide Zanardelli, il Frog Cafè rappresentato da Marco Maggi e la
Cooperativa Bucaneve con Luca Cimarosti.

«Un'esperienza unica che ci ha arricchito» ha detto Zanardelli. Durante la lezione si sono approfonditi temi quali
scrittura e lettura, dal Braille alle avanzate tecnologie informatiche vocalizzate; orientamento e mobilità, mostrando materiali ed ausili utilizzati da
non vedenti e ipovedenti. Sono state spiegate strategi e e date risposte a curiosità che hanno sviluppato in tutti una miglior consapevolezza e conoscenza,
il tutto in un clima di reciproco ascolto e spontanea comunicazione, piccoli grandi passi verso una migliore integrazione. E' stato, inoltre, allestito
un percorso sensoriale. Gli alunni una volta bendati e muniti di bastone bianco, simbolo di disabilità visiva, hanno raggiunto con non poca difficoltà
una stanza oscurata dove hanno potuto mettere alla prova gli altri 4 sensi con prove di tatto, olfatto, gusto e udito; e dove, è stato anche regalato loro
un segnalibro profumato realizzato con carta riciclata dai ragazzi della Bucaneve, altro segno di integrazione della disabilità. Ospite della giornata
e molto apprezzata è stata Bianca, un cane guida Labrador.

«La mattinata è letteralmente volata - spiega la referente del progetto Mirella Gavioli -. L'accoglienza
è stata straordinaria, nessuna banalizzazione, nessun atteggiamento pietistico o di imbarazzo, una classe educata e interessata che ha partecipato con
spontaneità e coraggio agli input proposti.

Non possiamo che ringraziare tutti i protagonisti di questa iniziativa che in questa giornata hanno conosciuto
un linguaggio didattico diverso, e nel percorso al buio hanno vissuto la quotidianità dei non vedenti».


    vai su    vai giu
Nuova discussione   Rispondi 

Regole Forum

HTML: OFF

BB-CODE: ON

LOGO del BIGFORUM